Il criterio per riconoscerci Cristiani
11 Gennaio 2016
10/01/2016
11 Gennaio 2016

PER IL BATTESIMO

Bambino

Michel Quoist

Bambino,
capolavoro inestimabile,
tesoro inimitabile,
nuova stella accesa nel cielo della terra,
tra i miliardi e i miliardi di stelle necessarie,
“tu”, persona unica,
che mai prima comparisti e non comparirai più. Bambino,
amato dall’uomo,
benedetto da Dio,
desiderio eterno del Padre,
che prende corpo quando nell’amore egli incontra,
oh meraviglia, il libero desiderio dell’uomo. Come ha potuto Dio,
incomprensibile follia d’amore,
consegnare all’uomo questo potere,
nel suo corpo la linfa’,
nel suo cuore il desiderio
di crearti con Lui, vita nuova,
sorgente nuova zampillata sulla terra degli uomini,
aurora di un fiume immenso,
chiamato a scorrere fino all’eternità!

DUE PICCOLI OCCHI

Due piccoli occhi per guardare Dio.
Due piccole orecchie per udire la sua parola.
Due piccoli piedi per seguire la sua strada.
Due piccole labbra per cantare le sue lodi.
Due piccole mani per fare il suo volere.
E un piccolo cuore per amarlo per sempre.
Ecco, Signore, il nostro bambino!