Si può organizzare un’oratorio estivo senza ritrovarsi insieme la domenica a messa?

La contemplazione eucaristica
17 Giugno 2017
18/06/2017
17 Giugno 2017

Si può organizzare un’oratorio estivo senza ritrovarsi insieme la domenica a messa?

di Andrea Lonardo   ( da un articolo di un Parroco di Roma)

Finoall’ultima domenica di maggio catechisti e preti insistono sul fatto che il cuore del cammino è l’eucarestia domenicale, più importante ancora della riunione: è il Signore che ci invita alla mensa della Parola e a quella Eucaristica. Passa una settimana, inizia giugno, ed ecco che la stessa comunità parrocchiale, organizzando l’oratorio estivo (che si chiami, GREST, Gruppo estivo, Estate ragazzi, o diversamente, poco importa) pensa a tutto fuorché alla messa domenicale. Certo entrano in attività un diverso gruppo di persone – si passa dai catechisti agli animatori dell’oratorio – ma la comunità non dovrebbe essere una e armonica? Per tutto l’anno i catechisti hanno insistito sul fatto che una determinata messa del mattino della domenica era il punto di riferimento . Ora, mentre si organizza l’oratorio estivo, nessuno si preoccupa di chiarire se gli animatori dei bambini e dei ragazzi continueranno ad invitarli alla stessa messa, oppure se li si inviterà alla messa del sabato sera Da parte della comunità cristiana non parte nessun invito. Si da per scontato che durante l’oratorio estivo vigerà un diverso modo di vedere la vita cristiana rispetto agli altri mesi nei quali si insiste sul fatto che non c’è vita cristiana senza eucarestia.

Questo articolo vuole certamente suggerire un’ipotesi di lavoro. E precisamente che il parroco o chi per lui, cessi di celebrare la messa delle 10.00 della domenica mattina ed inizi a celebrare quella delle 19.00 o delle 20.00 o addirittura delle 21.00 la domenica, per seguire i ritmi delle famiglie che in estate cambiano.(a voi la proposta).

Posso testimoniare che questa cosa non solo è possibile, ma anzi è estremamente semplice e realizzabile. Basta proporlo a tutti e chiederlo con forza agli animatori: la messa serale estiva della domenica diverrà la messa più bella dell’anno, con tutti i bambini dell’oratorio estivo, con tutti gli animatori e con tutti i catechisti e i genitori che si ritroveranno a celebrare insieme anche a giugno, a luglio e a settembre (ancor più nei posti di mare).

Ma, al di là della proposta concreta, quello che interessa ancor più sollevare è una questione più radicale. La messa è o non è il cuore degli itinerari di Iniziazione cristiana? E tali itinerari valgono solo nei tempi scolastici o la proposta di fede abbraccia la vita stessa? Come vivere allora l’estate come comunità cristiana? Quali orari adatti deve proporre la comunità per mostrare che lei crede che l’eucarestia è più importante delle riunioni, tanto è vero che le riunioni terminano con il mese di maggio, mentre l’eucarestia comunitaria prosegue?

Solo l’eucarestia posta al centro anche d’estate, a partire dall’oratorio estivo, mostrerà che la vita cristiana non ha gli orari e i tempi della scuola, bensì è vita quotidiana che sempre nutre e illumina.

 

I ragazzi dei gruppi dei pre-adolescenti e degli adolescenti, i ragazzi dei gruppi cresima, debbono scoprire che la Chiesa li chiama a servire come aiuto-animatori negli oratori estivi e li convoca d’estate, proprio come testimoni, non solo ad animare l’oratorio estivo, ma anche ad animare l’eucarestia domenicale a fianco dei bambini che sono chiamati a servire appena terminata la scuola.

La mia esperienza è che l’oratorio estivo serva più ai ragazzi delle cresime e dei gruppi delle superiori che ai bambini stessi. Ma a condizione che l’eucarestia ponga al centro la presenza del Signore. Senza di essa, anche loro non potranno che pensare che la comunità non ritiene   l’eucarestia domenicale centrale se non nel tempo della scuola. Una visione diversa  può cambiare volto ad una comunità per aiutarla ad annunziare  che l’Iniziazione cristiana non è qualcosa di scolastico, bensì abbraccia la vita ed è una vera esperienza che unisce tutti, anche d’estate, nel tempo della libertà e della vita.

RIFLETTIAMO:

  • Quale reazione provoca in me questa riflessione di un parroco ?
  • Ci impegniamo per settori separati senza dare unità alle nostre azioni e scelte impoverendo anche le nostre proposte?
  • Sarà vero che la messa domenicale è il punto centrale della nostra esperienza?
  • Differenza tra Oratorio e centri estivi: quale?