LA CONVERSIONE DI SANT’AGOSTINO il suo significato…( continuazione)

TRIDUO DI SANT’AGOSTINO
21 Agosto 2016
SAGRA: FESTEGGIARE
21 Agosto 2016

LA CONVERSIONE DI SANT’AGOSTINO il suo significato…( continuazione)

La lontananza dalla “casa paterna” aveva significato per Agostino anche la ribellione alla Chiesa e la contestazione nei confronti della Bibbia, della morale cattolica e di tutti coloro che la proponevano: dai vescovi in giù fino a sua madre. La Bibbia gli era parsa una raccolta di racconti misteriosi, indegni di un giovane che ragiona. I vescovi o chi predicasse, gli erano sembrati dei monotoni ripetitori di leggi morali inflessibili e non educatori, I cristiani li considerava dei pecoroni sempre pronti a rinunciare alla propria ragione in favore di una fede oppressiva. Sua madre era per lui una donnicciola, disposta ad obbedire ai preti, a biascicare orazioni. Senonché proprio sua madre, così derisa , con le sue lacrime e le sue preghiere, con la sua decisione fino a cacciarlo di casa, madre tenace e intelligente, lo ricondurrà a quel Cristo che già gli aveva iniettato con il latte materno.

Proprio un vescovo, Ambrogio di Milano, con fare paterno e intelligente, gli farà scoprire la Bibbia, il libro della fede. Saranno i  cristiani piccoli e grandi, uomini e donne, colti o indotti, con la loro testimonianza di gente contenta alla sequela di Cristo, lo faranno vergognare della sua cultura inconcludente. La chiesa di Milano con Ambrogio lo aiutano a decidersi per Cristo.

  1. a) …la Chiesa madre di salvezza

Agostino aveva avuto una madre  forte, decisa , pronta non solo a dargli il latte ma anche la sua fede, le sue sicurezze, la sua sensibilità morale… e ci riesce. Agostino nei momenti più oscuri, nel suo smarrimento, disperato, sente l’urgenza di una madre che lo riaccolga nel suo seno, e lo prenda per mano e lo porti verso la luce, che lo rigeneri ad una vita che abbia ancora il sapore della speranza. E’ nella Chiesa cattolica che Agostino ritrova un’altra madre, che nel sacramento e nella fede lo rigenera alla vita.

b)…la Chiesa modello di vita

Dalla Chiesa madre alla Chiesa modello per Agostino il passo è breve e logico. La Chiesa è la comunità dei fedeli che vivono il dono della conversione; è l’umanità in cui Cristo si è incarnato perché possa vivere con autenticità i suoi valori, quali la comunione, la concordia, l’unità nella carità. ” Nessuno mai lavori per se stesso, ma tutti i vostri lavori tendano al bene comune e con maggior impegno e più fervida alacrità che se ciascuno li facesse per sé. La sua esperienza diventa consigliera per lui.

Per aver provato lo smarrimento e l’errore, la contestazione e la ribellione, è pronto a capire ogni errante e ad accoglierlo come fratello.

Per aver sudato e sofferto nella ricerca di una verità soddisfacente, sa comprendere ogni sforzo e ogni delusione di chi vive alla ricerca e gli propone speranza.

Per aver assaporato la dolcezza di una casa, di una madre, non si scandalizza delle debolezze umane, ma perdona e vuole che la chiesa diventi luogo dove si vive la misericordia del Signore, segno e motivo di incontro e unione con tutti.